-->

29 gennaio 2007

Domeniche di incentivo al consumo, non "ecologiche".

Io penso che le domeniche ecologiche siano una misura, nella migliore delle ipotesi, inutile. Non basta certo un giorno al meso o giù di lì a cambiare la qualità dell'aria di una metropoli. Anche l'effetto sensibilizzazione che dovrebbe avere la misura viene decisamente indebolito dalla scomodità e dalla rabbia di chi, quel giorno, abbia degli impegni inderogabili.

Ma quello che trovo odioso è un altro aspetto. L'imposizione di blocco delle vetture "inquinanti" fa esclusione di vetture elettriche, di vetture GPL, di vetture con permesso per handicap e di vetture che rispettino le norme Euro4. Ecco, io questa cosa dell'Euro 4 non la tollero. Continua a sembrarmi un'operazione spudoratamente commerciale che inoltre penalizza le fasce sociali che non possono permettersi un cambio di macchina che vada alla stessa velocità della produzione di nuove norme Euro-x. Anche perché già dal 2009 parte l'Euro5, poi sarà il momento dell'Euro6. Boh... mi sembra una presa per il c***. Non mi sembra il modo per dare un taglio. "Comprate nuove macchine!! Consumate, consumisti!!!"... mah...
Senza considerare l'introduzione dell'equivoco che le vetture Euro4 o GPL siano non inquinanti, come le elettriche...

E poi si introduce un incentivo ovvio a livello, diciamo, meno superficiale: dal punto di vista dell'inquinamento in termini di sostenibilità ambientale, non sono certo che il bilancio sia palesemente a favore di chi compra una macchina ogni due anni rispetto a chi ha la stessa macchina da molto più tempo.

Io, onestamente, preferirei magari delle misure più strutturate, più organiche, magari più impositive e "dittatoriali" ma che vadano da qualche parte. Che abbiano un senso. Preferirei, ad esempio, veri blocchi totali di zone, dei centri urbani, pedonalizzazioni più diffuse... cose del genere. Per il breve periodo...

E per il lungo (non troppo, che il problema come visto , è piuttosto urgente), più che domeniche a piedi, o palliativi analoghi, sistemi forti e strutturati di incentivi e disincentivi. C'è chi, con prospettive più ampie rispetto al solo discorso legato all'inquinamento da auto, parla di Carbon Tax. Ne parlerò anche qui a breve, sinteticamente.

1 comm3nti:

simone ha detto...

sempre ficcante...